Marco Merati

“Amo la periferia più della città. Amo tutte le cose che stanno ai margini” Ho una predilezione per le fabbriche, per le architetture che conservano la memoria. Ho sempre pensato che il degrado e la progressiva rovina di questi luoghi mantengano intatte la dignità ed il rispetto per la laboriosa fatica che si è appena spenta. Nato a Milano. Terminati gli studi di fotografia, studia filosofia ed inizia a lavorare come assistente per fotografi che si occupano di architettura e fotografia industriale. Appassionato di paesaggio urbano, di periferie e architetture del lavoro ha collaborato con architetti, imprese di costruzioni e pubblicato sulle principali riviste italiane del settore come L’Arca, Domus, CasaBella, Costruire. Le sue fotografie sono state pubblicate lo scorso Settembre da Eyes Open ed hanno vinto il secondo premio nella sezione architettura al Budapest International Photo Awards. Insieme al progetto sul quartiere Bovisa sta lavorando su un progetto analogo per Rogoredo e sta conducendo una ricerca fotografica sugli scali ferroviari milanesi.

Le storie di Marco